Archivia 26/06/2014

Tra gli appuntamenti di luglio tornano la MUSICA e il CINEMA in Villa

Dopo la “Notte d’inizio estate” proseguono in città gli appuntamenti previsti nel nutrito calendario degli eventi.

Martedì 1 luglio nel cortile di Villa Greppi riprendono le proiezioni cinematografiche di “Cinema in Villa” con la proiezione di “Frozen – il regno del ghiaccio”, il film diretto da Chris Buck e Jennifer Lee ed ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen “La regina delle nevi”: si tratta di una pellicola di animazione realizzata al computer e prodotta dalla Walt Disney.
Il biglietto d’ingresso, così come per tutte le altre proiezioni che si terranno quest’estate, è di 3 euro.
Venerdì 4 luglio, invece, in piazza Unità d’Italia torna la musica de “I ritmi della città” con il concerto rock degli Zenigata: inizio previsto alle 21.15. Sarà un concerto-show caratterizzato dall’atmosfera di festa che i componenti della band riusciranno a creare senza ricorrere a gag studiate a tavolino ma facendo leva sul loro senso di spontaneità ed improvvisazione che riescono a creare anche con l’ausilio del pubblico.

Gli Zenigata si esibiranno in brani di Rock n/roll, surf, anni ’80 e un mix di musiche divertenti tratti da film come ”Animal house”, “Grease” e “Gret Balls of Fire”.

La band, nel corso della carriera, ha lavoro con artisti quali Gianni Cinelli di Zelig, Omar Fantini e Stefano Chiodaroli di Colorado e Geppy Cucciari.

Sesto incontro – Formazione Operatori – Progettare la parità in Lombardia 2013/14

Durante il sesto incontro con gli operatori delle associazioni territoriali, della polizia locale e dei servizi sociali, nell’ambito del progetto

“SCIOGLIERE IL NODO DELLA VIOLENZA DI GENERE. PERCORSI DI FORMAZIONE E AZIONI CONDIVISE PER RAFFORZARE LA RETE TERRITORIALE” , 

abbiamo illustrato e discusso due ricerche -­ intervento realizzate in seguito ai bandi regionali.
La prima, “Prenditi per mano: Campagna informativa per contrastare la violenza sulle donne e percorsi di educazione all’autostima e all’empowerment femminile”, Bando Regione Lombardia “Piccoli progetti per grandi idee”, era stata sviluppata tra il 2009­/2010 dallAssociazione BLIMUNDE in collaborazione con i comuni di Cernusco S/N, Pioltello e Vimodrone, con lo scopo di indagare la percezione e la valutazione della violenza di genere presso le donne residenti nei comuni citati.
A partire dai presupposti che la violenza contro le donne, detta anche violenza di genere, nelle sue varie forme – stupro, violenza domestica, delitti d’onore e traffico di donne – manifesta i suoi alti costi di salute fisica e mentale; che sempre più spesso essa è riconosciuta come un problema di salute pubblica e una grave violazione dei diritti umani fondamentali; che la violenza contro le donne è, ancora oggi, coperta dalla cultura del silenzio e spesso accettata come un “normale aspetto della relazione di genere”, il nostro lavoro fa prima riferimento ai contributi internazionali e nazionali sul tema e poi si concentra sulla ricerca sul campo, con i seguenti obiettivi:

esplorare il livello di percezione della sicurezza del proprio Comune; indagare la conoscenza del fenomeno della violenza di genere nelle sue varie tipologie; quantificare l’incidenza delle esperienze di vittimizzazione; misurare il livello di consapevolezza dei fattori di rischio e di protezione.

La seconda, “Tra autori e vittime: bandire la violenza, abbattere gli stereotipi”, Bando regionale “Progettare la parità in Lombardia”, è stata realizzata nel 2012/­2013 in collaborazione con il comune di Rozzano ed altre realtà territoriali come due scuole superiori, associazioni di donne, il CIPM (Centro italiano per la promozione della mediazione). La collaborazione con quest’ultimo è stata fondamentale per la realizzazione di dieci interviste qualitative a sex offender detenuti nel carcere di Bollate e a maltrattanti seguiti dal CIPM presso il “Presidio Criminologico” del Comune di Milano.

La parte qualitativa della ricerca, le testimonianze e i racconti delle e degli intervistati, hanno suscitato molto dibattito e interesse tra gli operatori coinvolti nella giornata formativa. Ciò ha permesso di affrontare i nodi complessi della violenza di genere, di capirne i meccanismi e la loro riproduzione e di riflettere sulle possibili modalità di decostruzione dei medesimi.

Formazione operatori

La PENNA AI BUSSARESI, terza edizione promossa dall’Associazione LIBRIAMOCI

LA PENNA AI BUSSERESI – Terza edizione… si ricomincia!!!

La penna ai busseresi”, dopo il successo riscontrato delle prime due edizioni, l’Associazione Libriamoci organizza la terza maratona letteraria busserese con la lettura dei testi che perverranno, in una serata da tenersi durante la festa del paese,  ai primi di ottobre. Si invitano gli autori già collaudati e tutti coloro che hanno qualcosa nel cassetto, a presentare le loro opere: poesia, racconto breve, epistola, diario, articolo, all’indirizzo e-mail:

lapennaaibusseresi@gmail.com

oppure
imbucandole nell’apposita cassetta presso la biblioteca,
entro il primo settembre 2014.

Durante la serata dedicata all’iniziativa, Libriamoci e gli altri gruppi teatrali busseresi leggeranno, per ogni autore, almeno uno dei testi pervenuti, ma, volendo, tutti gli autori possono leggere una loro opera.

Per ragioni di comprensibilità, i testi devono essere preferibilmente scritti con un programma di scrittura (es. word) o a macchina, e se a mano, in forma leggibile. Devono essere riportate le generalità complete dell’autrice/autore, indirizzo e un numero di telefono per la reperibilità, soprattutto per chi utilizza, per l’inoltro, la cassetta in biblioteca.

L’Associazione Libriamoci garantisce la privacy rispetto ai dati forniti. Inviateci al più presto i vostri scritti che attendiamo con sollecitudine, sicurI che ci ritroveremo tutti arricchiti dalla condivisione delle riflessioni, delle emozioni e dei ricordi di ognuno.
REGOLAMENTO

La partecipazione all’iniziativa è riservata ai cittadini busseresi e prevede l’uso sia della lingua italiana che del dialetto. Possono essere inviati scritti nelle seguenti tipologie: poesia, racconto breve, epistola, diario, articolo. In totale, l’opera o le opere inviate da ogni autrice/autore non devono eccedere complessivamente le 1000 parole, se trattasi di prosa, o 100 versi se trattasi di poesia, pena l’esclusione.
Eccezion fatta per la poesia, può essere inviata una sola opera per ogni tipologia. Si possono tuttavia inviare più scritti, ad es. un’opera in prosa e una in poesia o più poesie; l’importante è che non si eccedano i suddetti limiti di lunghezza complessivamente stabiliti.

 

Libriamoci garantisce, per ogni autore, la lettura di almeno un’opera, riservandosi, in caso di invio di più opere da parte dello stesso autore, la facoltà di inserimento di una o più altre sulla base del tempo previsto per la maratona letteraria.
Scadenza per la presentazione: 1 settembre 2014

IL TEATRO DI DARIO FO E FRANCA RAME IN PIAZZA UNITA’ D’ITALIA

I giovani diplomati della Scuola Paolo Grassi e dell’Accademia Nico Pepe, con il Centro Teatrale MaMimò, scenderanno in piazza a Cernusco, il prossimo 26 giugno alle 21.15 in piazza Unità d’Italia, per interpretare lo spettacolo “Mistero buffo”, messo in scena per la prima volta nel 1969 da Dario Fo e Franca Rame in un capannone di Porta Romana, a Milano, e poi replicato migliaia di volte in Italia e nel mondo.

“Quello del 26 giugno è un importante appuntamento col teatro d’autore nel panorama degli eventi estivi in piazza” ha dichiarato l’Assessore alle Culture Rita Zecchini. “Ricordiamo che lo spettacolo nacque con l’intento di dimostrare l’esistenza storica di un teatro popolare di grande valore, che nulla aveva da invidiare ai testi di tradizione erudita, espressione della cultura della classe sociale dominante. Uno spettacolo ha concluso, di divertimento ma anche di riflessione ai temi attuali e alle contraddizioni del nostro tempo”.

Con “Mistero buffo e altre storie” i ragazzi, coinvolti dalla vitalità giocosa di questo particolare modo di raccontare, riscoprono la possibilità di riappropriarsi della ‘Storia’ da un punto di vista nuovo, cioè attraverso ‘altre storie’ diverse e attuali, proprio come accadde a quella generazione di giovani che lo videro in scena nei primi anni ’70.
Prima di approdare a Cernusco sul Naviglio, lo spettacolo negli anni passati, è stato proposto al Festival di Avignone off, al Mittelfest, al Festival “Giovani realtà del Teatro di Udine”, a “Le vie dei Festival Roma” e al Festival dei beni confiscati alla mafia che si è tenuto a Milano nel 2012.

Il Gigong: arte della lunga vita

A giugno e luglio  tre appuntamenti con il Qigong Gentile nei parchi cittadini.

Il Qigong Gentile, arte cinese millenaria, detta arte della lunga vita, porta al raggiungimento di un buon equilibrio fisico, psichico ed emotivo, regola le funzioni del corpo e porta al rilassamento muscolare ed alla stabilità dello spirito. Le tecniche del Qigong sono semplici ed efficaci.

“Un altro appuntamento per sviluppare pratiche salutiste che aiutano ad avere sempre piu consapevolezza del nostro essere ‘corpo’ e ‘mente”’ in armonia tra loro”, ha dichiarato l’Assessore alle Culture Rita Zecchini.
“L’obiettivo di questi incontri e percorsi di formazione – ha proseguito – è incidere sugli stili di vita, sviluppando una responsabilizzazione sul benessere globale”. 

Sarà possibile praticarlo in tre parchi cittadini: Parco dei Germani, Parco Trabattoni  e Parco Martesana, il 14 giugno, il 21 giugno ed il 12 luglio.
I tre appuntamenti sono gli ultimi in programma del cartellone “Essere nel benessere” e avranno inizio tutti alle ore 9.00. Si è scelto di tenere i corsi, tutti ad ingresso gratuito, nei parchi cittadini perché il Qigong è più efficace se praticato nel verde. Per ulteriori informazioni c’è il sito www.qigong-gentile.it
 

“Cultura in città – eventi per l’estate 2014”: tre mesi da non perdere

Anche quest’anno, l’Assessorato alle Culture ha allestito un cartellone di eventi che allieterà le serate dei cernuschesi.

Cultura in città – eventi per l’estate 2014”,  prenderà il via il 20 giugno con la “Notte d’inizio estate”. La notte bianca cernuschese inizierà alle 20.30 al Parco Trabattoni con la sfilata itinerante della Banda de Cernüsc, e proseguirà poi alle 21.15 in Piazza Matteotti con il cabaret di Giancarlo Barbara, spettacolo adatto anche ai bambini. La serata si concluderà alle 23.00 con uno spettacolo di fuochi d’artificio e musica in piazza Unità d’Italia.
L’iniziativa sarà replicata l’11 luglio con la “Notte di mezza estate”, a cui parteciperanno Rossana Carretto e altre sei famose cabarettiste milanesi.

“Le due notti bianche cernuschesi – ha dichiarato l’Assessore alle Culture Rita Zecchini – saranno cariche di energia e vedranno diversi artisti esibirsi, in contemporanea, in più piazze del centro storico”.

Tornano gli appuntamenti di “Cinema in villa”, divenuti ormai un cult delle estati cernuschesi.
Si inizia il primo luglio con il film d’animazione “Frozen” per poi proseguire, fino al 19 agosto con “Nebraska”, “Free Birds”,”Tacchini in Fuga”, “Gravity”, “Blue Jasmine”,  “La grande bellezza”,  “Philomena” e “A proposito di Davis”.
Grazie all’attività e all’impegno dell’Assessorato al Commercio ed alla disponibilità dei commercianti locali torna anche l’appuntamento con gli acquisti al chiaro di luna di “Shopping sotto le stelle”: quattro serate, tutte di venerdì, tra giugno e luglio cui si aggiungerà “La notte dei saldi” in programma l’11 luglio.

Tra gli altri appuntamenti anche le serate di “Liscio sotto le stelle”  in agosto, a cura de “La Filanda”, e nell’ambito del progetto “Mi presti il sale” – sviluppato dall’Assessorato ai Servizi alle Persona – karaoke, letture teatrali e mostra fotografica sulla storia di Cernusco.

La musica sarà protagonista in città con i tre appuntamenti di “I ritmi della città” che vedranno sul palco, “Gli Zenigata” il 4 luglio, “L’Orchestra a Plettro Città di Milano” il 10 luglio e i “Malapizzica” il 17 luglio.
Anche il teatro avrà il suo spazio con “Mistero buffo ed altre storie”, in calendario il 26 giugno, con i giovani diplomati della Scuola Paolo Grassi e dell’Accademia Nico Pepe che interpreteranno il teatro di Dario Fo e Franca Rame.

E non poteva mancare il calcio, nell’estate dei Mondiali brasiliani. L’Assessorato allo Sport si è adoperato perché al Parco Trabattoni venga allestito il maxischermo per seguire, tutti insieme, le imprese degli Azzurri: prima gara e prima proiezione il 14 giugno a mezzanotte; verranno proiettate tutte le partite della nostra Nazionale e comunque le semifinali e la finale.

“E’ un programma ricco e coinvolgente – ha inoltre dichiarato l’Assessore alle Culture Rita Zecchini – che speriamo possa coinvolgere molti concittadini e rendere sempre più vivace, accogliente e stimolante la nostra città”.

Divorzio? Cambiano i tempi

A 40 anni di distanza dal referendum del 1974, che ha confermato anche in Italia la legge sul divorzio, l’Italia taglia i tempi necessari all’ottenimento dello scioglimento dal momento della separazione.

La Camera dei Deputati ha infatti approvato a grande maggioranza (381 si e 30 no), la riduzione a sei mesi dei tempi necessari  nel caso di divorzio consensuale, e a dodici mesi se c’è disaccordo tra i coniugi.
I tempi necessari sono indipendenti dalla presenza o meno di figli minori, che comunque, influiranno esattamente come oggi sulle decisioni del giudice. Il testo passa ora al Senato, ma vista la maggioranza superiore al 90% non dovrebbero esserci particolari problemi perché la nuova legge diventi esecutiva entro giugno.
I nuovi limiti saranno validi anche per le procedure di divorzio già iniziate nei due anni precedenti e potranno velocizzare i tempi per arrivare all’udienza di scioglimento. Per quanto riguarda l’eventuale comunione dei beni, questa sarà operativa già dalla prima notifica da parte del giudice riguardante la separazione.

La legge italiana, anche se modificata, rimane comunque piuttosto distante da quelle di altri Paesi europei: in Francia se la decisione di porre fine all’unione è consensuale non è necessario alcun periodo di separazione e non serve nemmeno l’udienza dal giudice, in Gran Bretagna se si dichiara che vi è stato da parte dell’altro coniuge un “comportamento che rende insostenibile la prosecuzione del rapporto” il giudice può dichiarare immediatamente sciolto il matrimonio.

Estate 2014: il 20 giugno partono le iniziative

Cabaret, musica, fuochi artificiali: ecco le proposte per la Notte d’inizio estate, che venerdì 20 giugno, aprirà il ricco calendario degli eventi organizzati per il periodo estivo.

“In prossimità la notte del solstizio d’estate – ha spiegato l’Assessore Rita Zecchini – si svolgerà la “notte bianca cernuschese” : una serata tutta da vivere e carica d’energia in cui vivere gli spazi della città attraverso la musica dal vivo, il cabaret, e che chiuderà con lo spettacolo di fuochi artificiali e musica.Una notte all’insegna della cultura, dell’arte e arricchita dalla presenza delle associazioni che animeranno le piazze della città.

alle 18.00, in via Bourdillon aprirà “La Via dei Pittori”, con l’esposizioni di quadri ed opere degli artisti locali
alle 18.00, al parco Trabattoni, per “Maximondiale – Il Maxischermo di Brasile 2014” , sarà in onda la partita Italia – Costarica, un’iniziativa organizzata da “La Filanda”, con il patrocinio del Comune
alle 20.30, con partenza dal Parco Trabattoni, la sfilata itinerante della Banda de Cernűsc e delle Majorette

alle 21.15, in piazza Matteotti, è in scena lo spettacolo di cabaret con l’esilarante comicità di Giancarlo Barbara
alle 22.00, la serata proseguirà in piazza Gavazzi, dove il Bardaro Clarinettes Ensemble proporrà “Da Bach a Piazzolla” un giro per il mondo attraverso la storia della musica

Per tutta la serata saranno presenti gli stand delle Associazioni Abio, Bau Atelier, Croce Bianca, Daemons Martesana, FAI Martesana e Puzzle, con attività di divulgazione e di intrattenimento mentre i negozi potranno rimanere aperti fino alle 23.30.

Per chiudere in bellezza, gran finale alle 23.00, in piazza Unità d’Italia, con “E lucean le stelle”, lo spettacolo di fuochi artificiali e musica, già previsto per la Fiera di San Giuseppe e rimandato per il maltempo. “Dopo la positiva esperienza del 2013 – conclude l’assessore Zecchini, le notti d’estate quest’anno raddoppiano.
Il prossimo appuntamento è già fissato per venerdì 11 luglio”.

3300 anni di Aloe Vera

500 anni prima della fondazione di Roma i cinesi della dinastia Sung si curavano già con il succo dell’Aloe Vera, una pianta grassa che ora anche i medici del ventunesimo secolo hanno riconosciuto come estremamente ricca di proprietà terapeutiche depurative, cicatrizzanti e antinfiammatorie.

L’Aloe Vera è originaria dell’Africa centrale, ma con il passare dei secoli si è diffusa un po’ in tutto il mondo a partire dal Mediterraneo, India, isole dell’Oceano indiano, Stati Uniti, Messico Venezuela e in Oceania. Cresce spontanea sui terreni secchi e calcarei, ma si può coltivare anche in giardini, balconi e terrazzi ricchi di sabbia e argilla, in modo da aumentare al massimo la permeabilità del terreno.

L’Aloe Vera viene usata da millenni in Occidente come in Oriente, il suo nome deriva dall’arabo alua oppure dall’ebraico halat, che in entrambi i casi si può tradurre con amaro. Gli antichi egizi piantavano l’Aloe Vera all’ingresso di una nuova casa come simbolo di buon augurio e la stessa Cleopatra usava la polpa sul viso come crema idratante per mantenere la pelle giovane. In Grecia il succo veniva mescolato alla mirra per disinfettare il cavo orale, e Cristoforo Colombo annotava nei suoi diari come l’estratto di Aloe Vera fosse il rimedio migliore per curare i naviganti durante le lunghe traversate oceaniche.

Utilizzi contemporanei: dalle foglie dell’Aloe Vera è possibile ottenere il succo condensato che ha proprietà lassative e depurative e il gel che spalmato sulla pelle cura infiammazioni, dermatiti, scottature ed è un buon cicatrizzante. Inoltre ha un’azione schermante nei confronti dei raggi ultravioletti e migliora la microcircolazione costituendo un valido cosmetico anti-age, come già sapeva Cleopatra. Si utilizza applicandone un sottile strato sulle zone interessate e facendolo assorbire con un lieve massaggio. Se applicato su ferite, si copre il punto leso con una garza sterile e non si massaggia.

Come con tutti i farmaci gli effetti collaterali sono legati al sovradosaggio e possono provocare coliti e disturbi gastrici, basta comunque non superare le dosi consigliate per non avere particolari problemi.