In biblioteca arriva il libro parlato. Chi ha difficoltà nella lettura potrà ritirare un file con l’audio del testo prescelto

La società richiede sempre più servizi ed alcuni di questi devono far fronte ai disagi sociali, e visto che  le biblioteche sono istituzioni pubbliche al servizio della società, la biblioteca di Cernusco S/N ha deciso di fornire, diffondere e difendere un servizio legato  al piacere della lettura anche per coloro che presentano difficoltà per poterne usufruire.

Con questo obiettivo il Comune di Cernusco sul Naviglio l’Associazione “Libro Parlato Lions hanno stretto una collaborazione per garantire il diritto alla lettura anche alle persone in difficoltà che non possono leggere un libro.

Presto in Biblioteca infatti sarà aperto un sportello ad hoc cui potranno rivolgersi gli utenti per richiedere la versione audio in formato mp3 del libro che desiderano ritirare scelto da un catalogo che comprende romanzi, poesia e favole. I costi di gestione iniziali dello sportello saranno sono coperti dal Lions Club di Cernusco.

 “E’ un servizio che risponde alla necessità di dare a tutti  la possibilità di accesso alla cultura e all’informazione incluse le persone con diversi livelli di difficoltà di lettura”, ha dichiarato l’Assessore alle Culture Rita Zecchini“Il progetto – ha proseguito – rafforza inoltre il valore dell’accoglienza delle persone disabili in un contesto pubblico come la biblioteca quale luogo di aggregazione e inclusione”.

Gli audiolibri si possono anche scaricare dal sito www.libroparlatolions.it ed essere utilizzati, oltre che da ciechi e ipovedenti gravi, anche da tutti coloro che non possono leggere autonomamentepersone anziane con difficoltà di lettura, disabili fisici e psichici, persone ospedalizzate o affette da dislessia.
“Associazione “Libro Parlato Lions” è nato nel 1975 per iniziativa del “Lions Club Verbania”.

Progetto Europeo Leonardo 2°

Nell’ambito del Progetto Europeo  ” Leonardo 2° ” sono nel nostro Paese in questo periodo, ospitati dell’ITSOS di Cernusco S/N, gli studenti  provenienti dal Nordrhein-Westfalen.
L’esperienza prevede un soggiorno formativo di vita in famiglia per due settimane e stage lavorativi presso Enti e aziende locali che coinvolgono i Comuni di Cernusco, Brugherio, Carugate, Concorezzo e Milano.
 

Lunedì 3 marzo, il Sindaco Comincini e l’Assessore Zecchini  hanno  dato il benvenuto al gruppo di studenti tedeschi.

 

Sportello Donna per le Pioltellesi

Ascolto, informazione, sostegno, consulenza psicologica

 DAL 4 MARZO 2014 APRE IL NUOVO SERVIZIO RIVOLTO A TUTTE LE DONNE PIOLTELLESI

presso il comune di Cernusco sul Naviglio Assessorato ai Servizi Sociali – Piazza Unità d’Italia,1
Info: 02.92.78.285 – www.comune.pioltello.mi.it
 

CHE COS’È
È un Servizio dei Comuni di Cernusco sul Naviglio e Pioltello che fornisce attività di consulenza e soste­gno psicologico in risposta ai bisogni e ai disagi emergenti sul territorio, che colpiscono in modo particolare le donne.
È un servizio rivolto a chi si trova in una situazione di disagio nell’affrontare quotidianamente i problemi della vita personale, familiare, relazionale e lavorativa.
È un luogo d’incontro dedicato alle donne di tutte le età, in cui possono trovare ascolto, attenzione, rispetto e un supporto alla prevenzione del disagio psico-sociale per la promozione della qualità della vita e la tutela dei diritti fondamentali delle persone.

CHE COSA OFFRE
SERVIZIO DI ACCOGLIENZA, ASCOLTO E ORIENTAMENTO
in situazioni di violenza in ambito domesti­co e extradomestico, disagio relazionale inerente alla vita di coppia, alla genitorialità, alla salute psicofisica e alla gestione del cambiamento in situazioni di criticità operativa.
Martedì e Giovedì dalle 16.00 alle 19.00 rivolgendosi direttamente al servizio oppure telefonicamente al n. 02/9278285  oppure inviando una mail a:  sportello.donna@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it
SERVIZIO DI CONSULENZA PSICOLOGICA 
che consentirà una maggiore messa a fuoco del disagio e delle risorse che l’interlocutore può e desidera portare alla luce, favorendo riflessioni che aiutino ad attivare una scelta consapevole delle attività e dei servizi presenti sul territorio.
Venerdì dalle 15.00 alle 19.00 su appuntamento.
SERVIZIO DI CONSULENZA LEGALE
(separazione, divorzio, lavoro, contratti, violenza e stalking)
Due volte al mese, il giovedì dalle 16.00 alle 19.00 su appuntamento.

Open blog Apri cernuscodonna.it

Primo incontro di formazione

organizzato da cernuscodonna.it con l’Assessorato alla cultura di Cernusco s/N.

OPEN BLOG – APRI CERNUSCODONNA.IT

Sabato 26 ottobre 2013, dalle 9.30 alle 12.30
Biblioteca civica di Cernusco s/N, in via Cavour 51.

OPEN BLOG

  • per incontrarsi di persona
  • per orientarsi nella struttura di un blog su piattaforma wordpress
  • per muovere i primi passi nella gestione autonoma di un blog personale su piattaforma wordpress

Cosa faremo

  • analisi del pannello di controllo in rapporto alla struttura del blog cernuscodonna.it
  • redazione di un profilo utente sul pannello di controllo del blog cernuscodonna.it
  • redazione di un post dal pannello di controllo del blog cernuscodonna.it

Diavolerie 2.0

Se avete domande su account, social network e altre diavolerie 2.0, portatele qui!
Le raccoglieremo, proveremo a rispondere o a farne argomento di un prossimo appuntamento.

E’ gratis!

La partecipazione è gratuita, aperta a tutte e tutti

Prenotazione

cernuscodonna@gmail.com

Conduce

Eleonora Cirant, webmistress di cernuscodonna.it
 

Immagine
By Nevit Dilmen (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)
or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], via Wikimedia Commons

Nati per leggere

Dal primo ottobre riparte Nati per leggere alla Biblioteca civica di Cernusco.

Ogni martedì, dalle 10 alle 12

il personale della biblioteca accoglierà bambini e bambine nella sala ragazzi Magolib(e)ro e suggerirà agli adulti che li accompagnano le letture adatte ai più piccoli.

“La prima fase di sperimentazione del progetto – ha spiegato l’Assessore all’Educazione Rita Zecchini – ha avuto ottimi risultati. Con l’ASL stiamo preparando un protocollo d’intesa con cui si vuole implementare  il coinvolgimento all’iniziativa dei neo-genitori che frequentano ambulatori e consultori pediatrici, perché questi sono ‘luoghi strategici’. Il personale specializzato della Biblioteca comunale si renderà disponibile ad illustrare la valenza del progetto anche in questi luoghi.Organizzeremo, inoltre, degli incontri informativi con esperti pedagogisti, medici ed educatori per supportare tutti i neo-genitori e le altre figure parentali, come nonni e zii, che volessero seguire il progetto e confrontarsi in un contesto pubblico su tali tematiche”.

Accompagnare precocemente i bambini alla lettura, infatti, può rappresentare una strategia educativa e una significativa occasione per lo sviluppo affettivo e cognitivo.

L’Assessore Zecchini cita, infine, la filastrocca dei «Nati per leggere» di Bruno Tognolini perché chiamare per nome ogni cosa, significa fare realtà, mettere al mondo mondi di esistenza: «Leggimi subito, leggimi forte / Dimmi ogni nome che apre le porte / Chiama ogni cosa, così il mondo viene / Leggimi tutto, leggimi bene / Dimmi la rosa, dammi la rima / Leggimi in prosa, leggimi prima».

Per avere più informazioni sull’iniziativa è possibile chiamare lo 02.9278299 dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 18.

Canne al vento

E’ in corso in questi giorni presso la Biblioteca civica L. Penati una

mostra in omaggio a Grazia Deledda a cento anni dall’opera

La mostra è visitabile fino al 22 settembre, nei seguenti orari: lunedì 14/18; martedì, giovedì e venerdì 9/19; mercoledì 10.30/19; sabato 9/12,30 e 14/18.
La mostra apre Finestra sul Mediterraneo, un percorso che, come spiega l’assessore alle Culture Rita Zecchini:

intende valorizzare le regioni italiane e la conoscenza dei paesi che si affacciano sull’omonimo mare, accomunati da una comune e riconoscibile identità di valori e di interessi.
Si vuole evidenziare l’importanza che assume in sé il Mediterraneo, quale soggetto storico e geografico, in forza della posizione strategica, della dimensione intercontinentale e tradizione storico – culturale

Il percorso prevede iniziative culturali declinate nelle diverse forme artistiche, con conferenze, spettacoli, mostre e concerti e si conclude con eventi all’aperto.
Dal 20 al 22 settembre piazza Matteotti ospiterà infatti gli stand di

Sardegna in piazza

con i tipici prodotti enogastronomici e di artigianato (orario 9/20), mentre sabato 21, alle 16 il Gruppo Folk Iknos animerà la piazza con uno spettacolo di danze popolari sarde.

Grazia Deledda (1871-1936)

Nata a Nuoro nel 1871, Grazia Deledda, prima donna italiana a ricevere il Premio Nobel.
La sua opera feconda è strettamente legata alla sua terra, la Sardegna.
Il romanzo più letto e tradotto, Canne al Vento, contribuì in modo significativo a guadagnarle quella stima che nel 1926 le procurò il premio Nobel per la letteratura e rappresenta un documento valido ed efficace per la ricostruzione del quadro storico, culturale e socio-economico della Sardegna del primo decennio del Novecento.
Mentre l’Italia è impegnata nella guerra di Libia e il ceto sociale borghese si innesta prepotentemente nel tessuto economico e politico, la Sardegna rimane saldamente ancorata ai privilegi delle antiche famiglie della nobiltà contadina.
I personaggi cercano affannosamente il riscatto morale e sociale, ma i loro sforzi si scontrano con la potenza oscura di un destino immutabile, proprio come le canne che non possono non piegarsi alla forza del vento che le agita. Un coro di vite che si fonde con quello di una terra ancestrale e selvaggia, popolata dai personaggi fantastici delle vecchie storie popolari, inondata dalla luce vermiglia dei suoi tramonti sul mare, cullata dal suono malinconico delle fisarmoniche che si perde tra l’inebriante profumo delle euforbie e il manto variopinto delle violacciocche.

Il Comune di Cernusco contro il femminicidio

stop femminicio webDal 17 luglio uno striscione campeggia sulla facciata della Villa Greppi di Cernusco, la sede del Comune. La scritta, STOP AL FEMMINICIDIO, sintetizza l’impegno della giunta Comincini in contrasto alla violenza maschile sulle donne. Lo striscione è una dichiarazione d’intenti che si concretizzano in azioni mirate ad un cambiamento culturale.  Rita Zecchini, assessora con delega alle Pari Opportunità, spiega che
“Innanzi tutto ci deve essere il riconoscimento politico del femminicidio e delle violenze di genere come fenomeni con una propria specificità. Poi occorre lavorare per una legislatura specifica e promuovere delle azioni di contrasto alla violenza e promuovendo l’uguaglianza di genere, l’educazione al rispetto e alla reciprocità per le nuove generazioni. Le azioni si devono realizzare nei territori con il coinvolgimento di tutti i soggetti che possono svolgere un ruolo attivo nel promuovere quel cambiamento culturale che è necessario perché il fenomeno della violenza sia sconfitto: penso alle scuole, alle associazioni, alle forze dell’ordine e a chi opera nell’ambito socio-sanitario”.
In questa ottica l’assessorato tenuto da Zecchini sta elaborando un progetto in cui tutti questi soggetti lavorino in rete per fare un intervento mirato e coordinato e per far conoscere alle donne i servizi, presenti sul territorio, che le tutelano. Servizi esistenti, come ricorda Zecchini:
“Lo Sportello donna del Comune da anni lavora in questo campo e offre un servizio di primo livello che accoglie e supporta le donne oltre ad inviarle verso servizi più specifici”.
Oltre allo Sportello donna, l’amministrazione ha approntato un canale di comunicazione attraverso il sito cernuscodonna.it, che oltre al tema specifico del contrasto alla violenza di genere mette in evidenza la forza, il valore e il protagonismo delle donne nella comunità (di Cernusco e non solo). C’è poi il piano educativo. In questi anni è stato anche avviato un lavoro nelle scuole:
“Abbiamo già realizzato, in collaborazione con l’UDI, dei progetti che hanno coinvolto gli studenti in prima persona per costruire consapevolezza e sconfiggere la violenza sul nascere toccando le corde profonde della relazione uomo-donna e nutrendola di concetti come rispetto, uguaglianza e amore. Dobbiamo proseguire questo percorso ampliandolo verso le scuole superiori e gli altri contesti di aggregazione giovanile”.
Lo striscione, conclude l’assessora, è “il primo atto di  una campagna di sensibilizzazione sul fenomeno che dovrà coinvolgere la città e i Comuni limitrofi”.
Post del 20 luglio 2013

Rita Zecchini sul progetto Accogli un cernuschese

Silvia Di Pietro ha raccontato su questo blog del progetto “Accogli un cernuschese” in relazione al tema del “fare comunità”. Abbiamo chiesto a Rita Zecchini, assessora alle Politiche sociali con delega alle Pari Opportunità, qualche informazione per contestualizzare il progetto nell’ambito delle iniziative comunali.

Quanti nuovi residenti si contano a Cernusco ogni anno?

Mediamente c’è un flusso di 800-1000 nuovi residenti  con un’uscita di persone che escono da Cernusco leggermente inferiore.

Da chi è finanziato il progetto?

Il progetto si svolgerà  con le risorse interne del Comune e l’apporto di tutte le associazioni che vorranno collaborare.

Qual è il ruolo dell’amministrazione comunale? In particolare, quale assessorato?

L’Amministrazione sarà coinvolta in tutti i suoi settori e quindi è un progetto che riguarda tutti gli assessorati: l’idea che abbiamo condiviso è che vogliamo presentarci direttamente ai cittadini senza frapporre barriere comunicative o relazionale. Una modalità che rappresenti la politica e le istituzioni sullo stesso piano dei cittadini.

Qual è la durata prevista?

Per ora c’è un avvio che partirà a settembre e poi dipenderà dalla risposta: l’intenzione è di renderlo un appuntamento fisso.

Quali servizi offre il Comune per capire come orientarsi nella città?

Sul sito del Comune ci sono  i vari settori che possono interessare le diverse parti della popolazione (giovani, studenti, donne, ecc.). Il Comune mette a disposizione opuscoli (penso ad esempio alle varie guide ai servizi), ed inoltre c’è l’ Ufficio relazioni con il pubblico (INFOURP 02 9278 444)

L’incontro diretto coi nuovi residenti vuole anche essere un momento informativo e di presentazione dei vari servizi del Comune.

Nulla toglie che dovremmo migliorare il sito e attivare anche altre modalità informative e comunicative.

E.C.

Donne e uomini a teatro con ironia

E’ un’ottima occasione per uscire, stare insieme, riflettere divertendosi, quella di due spettacoli teatrali a Cernusco e Bussero che indagano contraddizioni del maschile e del femminile e dei rapporti di coppia, con ironia.
Il 15 e 16 giugno a Bussero c’è TOP GIRLS, Un’indagine ironica e frizzante sul lato oscuro del successo, e sul prezzo che le donne sono troppo spesso costrette a pagare per essere professionalmente realizzate.
Il 21 giugno a Cernusco c’è CONIGLIO CON LE OLIVE, che osserva con comicità e ironia i momenti decisivi del rapporto tra un uomo e una donna, dalla nascita, al dissolvimento, alla ricomposizione.
 

Essere nel benessere

Essere nel benessere è un ciclo di iniziative proposte dal Comune di Cernusco, quest’anno alla decima edizione. Un appuntamento sui temi del benessere psico-fisico e sociale delle persone e della comunità.
Corsi e incontri si terranno per tutto il mese di maggio. Alcuni sono gratuiti altri a pagamento. Per dettagli vedi il programma

Disturbi specifici dell’apprendimento

Fra i i temi d’interesse se n’è evidenziato uno per le indicazioni arrivate da molti genitori e operatori scolastici: il tema dei disturbi specifici dell’apprendimento, dislessia e discalculia, di cui si sente sempre più parlare, visto che riguarda circa il 3-4% della popola- zione scolastica.

“La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. Leggere e scrivere sono con- siderati atti così semplici e automatici che risulta difficile com- prendere la fatica di un bambino dislessico….. La dislessia non è causata da un deficit di intelligenza né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici. Il bambino disles- sico può leggere e scrivere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le sue capacita e le sue energie, poiché non può farlo in maniera automatica e perciò si stanca rapidamente, commette er- rori, rimane indietro, non impara (Dal sito dell’Associazione Italiana Dislessia).”

La richiesta di approfondimenti con lezioni aperte agli insegnanti e ai genitori e’ stata accolta con grande favore perchè implica un rafforzamento della collaborazione scuola-famiglia.

Alla scoperta dell’essenziale nell’arte

Anche quest’anno proseguirà un progetto nato da una collaborazione tra Amministrazione comunale, Centro S.Ambrogio e Associazione Bau Atelier che ha come scopo l’avvicinamento all’arte come mezzo per la scoperta delle risorse espressive e creative di ognuno.

I corsi

Proseguono, inoltre, i corsi sui temi della naturopatia, psicosomatica e alimentazione sana e naturale, che hanno riscosso grande in- teresse e attenzione.
Infine una novità. Una conferenza affronterà un tema che riguarda molte persone: quello della relazione tra persone e animali come fattore di promozione della salute e qualità della vita