Contributo al mantenimento da ex-convivente

Contributo al mantenimento da ex-convivente

Una signora scrive allo Sportello donna di Cernusco per avere informazioni sulla possibilità di ottenere il mantenimento della figlia dall’ex-convivente.

Buon giorno,
scrivo per avere un consiglio sulla possibilità di ottenere il mantenimento per mia figlia che ora ha tre anni. Le spiego: ho conosciuto il mio ex convivente nel 2005 e abbiamo avuto una bimba nel 2009 ma dopo aver scoperto suoi numerosi tradimenti ho deciso di lasciarlo. Lavoro saltuariamente e con molta fatica arrivo alla fine del mese ma il mio ex compagno si rifiuta di versare, anche in minima parte, il mantenimento della piccola. Cosa posso fare? Grazie.

Gentile Signora,
appare evidente che nonostante le Vostra convivenza sia cessata permangono, in capo a entrambi i genitori, il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole. Ne discende, dunque, che il padre dovrà necessariamente corrispondere un assegno di mantenimento, proporzionato alle sue sostanze e capacità lavorative. Nel caso in cui quest’ultimo, dunque, non adempia spontaneamente, sarà necessario proporre domanda al Tribunale dei Minorenni volta a tutelare gli interessi di sua figlia e a ottenere sia l’assegno di mantenimento sia la regolamentazione del regime di visita.
Cordiali saluti
Avv. D.M.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.