A Cernusco sul Naviglio il progetto di alternanza scuola/lavoro è una splendida opportunità per sensibilizzare gli studenti sulla questione di genere

L’alternanza scuola/lavoro se sfruttata bene può essere un’ottima opportunità per approfondire delle tematiche che non sempre trovare spazio durante le ore di elezioni. A questo proposito va segnalato il progetto dell’associazione “Gruppo UDI Donnedioggi- Cernusco e Martesana”, proposto  ai ragazzi dell’istituto Itsos Marie Curie di Cernusco.
Leggi tutto

Save the date: il 12 novembre incontro a Milano con la blogger femminista Eretica

Se siete appassionate di parità di genere e femminismo prendete l’agenda e segnatevi l’appuntamento. Domenica 12 novembre a Milano ci sarà un’intera giornata con Eretica, femminista che attraverso il suo blog “Al di là del buco” e la sua pagina Facebook “Abbatto i muri” ha dato un notevole contributo al dibattito pubblico sul tema. Eretica è anche autrice di due libri: “La fabbrica degli umani” e “Limbo: l’industria del salvataggio”.
L’evento si terrà al collettivo Ri-Make in via Astesani 47. Dopo il pranzo con la Blogger alle 12.30 , alle 14 inizierà la presentazione. L’incontro sarà moderato dal Collettivo Femminista Grrramigna. Tutta la giornata sarà un’occasione per parlare di femminismo, ruoli di genere e maschilismo.

La lettera aperta del gruppo Udi Donne di oggi ai candidati/e sindaco di Cernusco sul Naviglio. Che programmi avete per le donne del nostro territorio?

Giovedì 11 maggio dalle ore 21 alla Biblioteca di Cernusco sul Naviglio si terrà un incontro aperto con i candidati sindaci per approfondire le tematiche legate al mondo femminile. L’incontro è organizzato dal Gruppo UDI ‘Donnedioggi‘– Cernusco e Martesana. Per questo motivo pubblichiamo in questa pagina la lettera aperta scritta dall’Udi a tutti i candidati.
Gent. candidata
Egr. candidato
Vi invitiamo, in vista delle prossime elezioni amministrative a Cernusco, ad un incontro/confronto pubblico sui temi a noi cari che riguardano la condizione femminile.
La nostra associazione opera sul territorio cernuschese da circa 8 anni affrontando le problematiche delle donne sia sul piano culturale che politico e sociale.
Sul piano culturale siamo impegnate perché le relazioni tra uomini e donne siano basate sul riconoscimento del valore di ciascuno e sul rispetto reciproco e perché ogni donna viva l’autodeterminazione sul proprio corpo. Abbiamo promosso iniziative di approfondimento con la cittadinanza e prese di posizione su vari temi che riguardano le donne, dalla violenza fisica e psicologica fino al femminicidio, dalle disuguaglianze sul lavoro alla promozione della presenza delle donne in tutti gli ambiti della società, fino ai servizi che devono intercettare e affrontare difficoltà e problematiche concrete.
Crediamo che ogni istituzione possa e debba svolgere un ruolo attivo in questo senso, sia nel promuovere la crescita culturale e la caduta degli stereotipi di genere, sia offrendo e consolidando servizi che vanno incontro alle esigenze delle donne.
Nella nostra città l’amministrazione comunale in questi anni ha aperto lo ‘Sportello donna‘. Inoltre è funzionante, con buoni risultati, la ‘Rete antiviolenza‘ che coinvolge le Scuole superiori , associazioni del territorio, istituzioni socio-sanitarie e l’Amministrazione. Come giudicate queste esperienze?
E quali progetti avete riguardo alle necessità delle donne?
In base alle nostre attività e ai contatti con moltissime donne e uomini, siamo convinte che una società attenta alle esigenze delle donne porti alla crescita generale per tutti i cittadini.
Vi invitiamo a presentare i vostri programmi e le vostre idee e proposte, su questi argomenti, in una serata pubblica giovedì 11 maggio alle ore 21.00 in Biblioteca.
Vi chiediamo cortesemente di darci conferma della vostra presenza.
Grazie
Gruppo UDI ‘Donnedioggi’- Cernusco e Martesana

La filosofia al femminile protagonista a Cernusco. Il 23 marzo incontro su Simone Weil alla biblioteca civica

La filosofia protagonista a Cernusco sul Naviglio. Giovedì 23 marzo dalle ore 21 presso la biblioteca civica per la rassegna “Vivere con Filosofia” si terrà un’incontro con la dott.ssa Federica Negri. Il tema della serata sarà “Dal reale al soprannaturale. Introduzione al pensiero di Simon Weil“.
Simone Weil è una filosofa francese d’inizio ‘900 molto vicina al pensiero anarchico e all’eterodossia marxista celebre anche per aver lasciato l’insegnamento per fare l’operaia prima e la partigiana poi.
“E’ una pensatrice che non smette e non smetterà probabilmente mai  di interrogarci – spiega la dott.ssa Negri – perché presenta una tale complessità da renderla potenzialmente luogo di infinita ermeneutica. Nel bene e nel male, proprio la possibilità di interpretazioni così radicalmente diverse, ha permesso di mantenere viva l’interrogazione sul pensiero della Weil, e di ereditarne il «deposito d’oro puro» contenuto nella sua opera.”

Anoressia e bulimia: un problema di 3 milioni di ragazze. Il 15 marzo a Cernusco una serata per capire come vincere la battaglia

Si inizia per piacere più a sé stesse o per piacere più agli altri. All’inizio sembra andare tutto a gonfie vele, poi si perde il controllo. I disturbi alimentari, dall’anoressia alla bulimia, iniziano così per cercare più sicurezza, magari facendo una dieta fai-da-te. Poi si comincia a centellinare il cibo, a spezzare il boccone in mille parti e calcolare le calorie giornaliere in modo maniacale. Da lì all’inizio dell’inferno è un attimo.
Difficile dare un contro preciso ma si calcola che in Italia a soffrire di disturbi alimentari siano 3 milioni di giovani di cui il 95,9% sono ragazze. Un fenomeno che non accenna a diminuire e su cui si fa poca informazione.
Per questo, il comune di Cernusco sul Naviglio in collaborazione con C.I.D.A Onlus (Centro Italiano Disturbi Alimentari e e Dipendenze) organizza una serata di confronto tra cittadinanza e professionisti del settore su questo fenomeno. L’appuntamento è mercoledì 15 marzo dalle ore 21 alla biblioteca civica “Lino Penati” di via Fatebenefratelli.
Tra i relatori ci saranno il Dottor Emmanuele De Paoli, psicologo clinico, la Dott.ssa Valentina Carretta, psicologa psicoterapeuta, Dott. Pietro Bertolotti, psichiatra, Dott.ssa Elena Gerli, biologa Nutrizionista, Dott. Simone Zullo, chinesiologo massoterapista, Dott. Aldo Castoldi, collaboratore. 

8 marzo. 10mila persone si prese Milano per una giornata di protesta e sensibilizzazione contro ogni violenza di genere

10mila persone in piazza a Milano. Milioni di altre sparse in tutto il mondo. E’ stato un 8 marzo partecipato grazie alla mobilitazione spontanea del movimento “Non una di meno” e allo sciopero a cui hanno preso parte tantissime donne. Unico obiettivo: sensibilizzare la società sui problemi legati a tutte le forme di discriminazione delle donne, dalla violenza di genere alla negazione dei diritti nel mondo della scuola e del lavoro.
Nel capoluogo lombardo la giornata è iniziata al mattino con il corteo che attraversato la città da piazza Cairoli fino al palazzo della regione. Tanti gli slogan urlati e scritti sugli striscioni. Da “Le strade libere le fanno le donne che le attraversano” a “Women’s rights are human rights, human rights are women’s rights”.
Durante il corteo ci sono state azioni mirate: una contro la catena di negozi “Zara” accusata di stereotipare il corpo delle donne. Un altro blitz pacifico organizzato dall’Usb ha preso di mira l’ospedale Fatebenefratelli per protestare contro l’obiezione di coscienza, una scelta di molti medici che secondo i manifestanti toglie libertà alle donne.
Nel pomeriggio dalle 18 in poi c’è stato un altro corteo davanti al Palazzo Pirelli, sede del consiglio regionale della Lombardia. Ma per tutto il giorno eventi iniziative si sono susseguite in tutta la città. Come in piazza Duomo dove è stata organizzata una maratona no stop tra letture, incontri e dibattiti. Infine chiunque volesse lanciare un messaggio contro la discriminazione della donna ho potuto scrivere un suo pensiero sul maxi telone portato davanti al Duomo. Una giornata di sensibilizzazione e di protesta, tanti cortei colorati e rumorosi ma senza nessun momento di tensione.