DISCRIMINAZIONE CORPOREA e BODY SHAMING

DISCRIMINAZIONE CORPOREA e BODY SHAMING

La discriminazione corporea, il giudizio basato sull’aspetto fisico e il body shaming sono problematiche che impattano la salute mentale e il benessere di molte persone.

La discriminazione corporea si manifesta quando le persone vengono trattate diversamente e in modo ingiusto a causa del loro aspetto fisico, mentre il giudizio e il body shaming si concentrano su critiche negative riguardo al corpo degli individui.

Accettare i corpi non conformi è cruciale per promuovere un ambiente inclusivo e rispettoso. Ogni corpo è unico e rappresenta la diversità umana. Combattere la discriminazione corporea significa sfidare gli stereotipi estetici e riconoscere il valore intrinseco di ogni individuo, indipendentemente dall’aspetto fisico.

I corpi non conformi si riferiscono a forme fisiche che non rispecchiano gli stereotipi tradizionali o le aspettative sociali riguardo all’aspetto fisico. Questo termine è spesso associato alla diversità di genere, alle variazioni del peso corporeo o ad altre caratteristiche che non rientrano nei canoni estetici predefiniti.

L’importanza di parlare dei corpi non conformi risiede nel promuovere l’accettazione, la diversità e il rispetto per le molteplici espressioni fisiche. Questo concetto si collega alle sfide affrontate dalle persone che possono sentirsi giudicate o discriminate sulla base del loro aspetto.

Sensibilizzare sulle varie rappresentazioni corporee contribuisce a sfidare gli stereotipi nocivi, promuovendo un ambiente più inclusivo e tollerante.

 

Il body shaming contribuisce a creare un clima dannoso che può portare a problemi di autostima, ansia e depressione. Accettare i corpi non conformi implica promuovere la consapevolezza sulle varie forme fisiche e contrastare le pressioni sociali irrealistiche legate all’aspetto.

La conversazione aperta su questi temi è fondamentale per contrastare i pregiudizi e promuovere un ambiente in cui ogni individuo si senta rispettato e valorizzato per chi è, si tratta di fare un passo verso la costruzione di una società più inclusiva e rispettosa delle diverse espressioni fisiche e identità di genere.

Per sensibilizzare la società ad uno sguardo più inclusivo è importante che l’educazione al rispetto possa essere insegnata fin da subito ai bambini.

Per esempio, per educare i bambini a relazionarsi in modo inclusivo, evitando fenomeni di discriminazione corporea e body shaming, è utile:

  1. Promuovere la diversità: Sottolinea che ognuno è unico e valorizza la diversità.
  2. Insegnare l’empatia: Fai capire loro come ci si può sentire quando si viene giudicati e come fare per capire gli altri.
  3. Fornire modelli positivi: Dai l’esempio non discriminando, evita commenti negativi sul tuo corpo e sul corpo degli altri.
  4. Incoraggiare la comunicazione aperta: Invoglia i bambini a parlare dei loro sentimenti e a chiedere aiuto se ne hanno bisogno.
  5. Sottolineare le qualità interiori: Metti in evidenza l’importanza delle qualità personali oltre all’aspetto fisico.

In conclusione, la discriminazione corporea, il giudizio basato sull’aspetto fisico e il body shaming sono problematiche serie che richiedono una risposta collettiva basata sull’educazione, la consapevolezza e la promozione dell’accettazione di tutti i corpi, indipendentemente dalla loro conformità agli stereotipi sociali.

Articolo a cura di

Dott.ssa Noemi Sirtori, psicologa presso Spazio Donna.